Vai ai contenuti

Menu principale:

Tutto sulla PEC

Il funzionamento di un sistema di PEC può essere descritto dal seguente schema:

Busta di trasporto corretta e valida con consegna avente esito positivo

• 1a – l’utente invia una e-mail al Punto di accesso (PdA)
• 1b – il PdA restituisce al mittente una Ricevuta di Accettazione (RdA)
• 2a – il PdA crea una Busta di Trasporto (BdT) e la inoltra al Punto di Ricezione (PdR) del Gestore destinatario
• 2b – il PdR verifica la BdT e crea una Ricevuta di Presa in Carico (RdPiC) che viene inoltrata al PdR del Gestore mittente
• 2c – il PdR verifica la validità della RdPiC e la inoltra al PdC
• 2d – il PdC salva la RdPiC nello store delle ricevute del Gestore
• 3.
 – il PdR inoltra la BdT al Punto di Consegna (PdC)
• 4a – il PdC verifica il contenuto della BdT e la salva nello store (mailbox del destinatario)
• 4b – il PdC crea una Ricevuta di Avvenuta Consegna (RdAC) e la inoltra al PdR del Gestore mittente
• 4c – il PdR verifica la validità della RdAC e la inoltra al PdC
• 4d – il PdC salva la RdAC nella mailbox del mittente
• 5
.  – l’utente destinatario ha a disposizione la e-mail inviata

Legenda:
PdA = Punto d'Accesso
PdR = Punto di Ricezione
PdC = Punto di Consegna
RcA = Ricevuta di Accettazione
BdT = Busta di Trasporto
RdPiC = Ricevuta di Presa in Carico
RdAC = Ricevuta di Avvenuta Consegna


Promemoria utilizzo e regole della posta certificata

INVIO MESSAGGI:

INVIO MESSAGGIO DAL TUO INDIRIZZO CERTIFICATO AD UN ALTRO INDIRIZZO CERTIFICATO:
- quando un tuo messaggio certificato sarà inviato ad un altro indirizzo certificato riceverai indietro due messaggi:
1) il messaggio di ACCETTAZIONE che ti informa che il messaggio è stato accettato dal sistema
2) il messaggio di CONSEGNA che ti informa che il messaggio è stato correttamente consegnato al destinatario pertanto, in questo caso, il messaggio ha valore legale. Al suo interno saranno indicati la data e l'orario di ricezione del messaggio da parte della casella certificata del destinatario.
ATTENZIONE: la ricevuta di avvenuta consegna conferma unicamente la ricezione del messaggio nella casella di posta del destinatario ma non dimostra che il messaggio sia stato letto dal destinatario stesso.
Questi 2 messaggi di comunicazione tecnica avranno come mittente l'indirizzo:
posta-certificata@sicurezzapostale.it
N.B. E' IMPORTANTE ARCHIVIARE SEMPRE QUESTI 2 MESSAGGI PER OGNI MESSAGGIO CERTIFICATO INVIATO IN QUANTO COSTITUISCONO LA PROVA LEGALE DELL'AVVENUTA SPEDIZIONE. IN PRATICA E' COME ARCHIVIARE LA RICEVUTA DI RITORNO DI UNA RACCOMANDATA A/R.

Maggiori informazioni su come archiviare questi importanti file li potete trovare CLICCANDO QUI.


INVIO MESSAGGIO DAL TUO INDIRIZZO CERTIFICATO AD UN INDIRIZZO ORDINARIO (NON CERTIFICATO):
- quando un tuo messaggio certificato sarà inviato ad un indirizzo ordinario (non certificato) riceverai indietro il solo messaggio di ACCETTAZIONE e non il messaggio di CONSEGNA pertanto questo significa che l'indirizzo del destinatario non è un indirizzo certificato.
Per avere la certezza di questo basta controllare il contenuto del messaggio di ACCETTAZIONE che è stato ricevuto, se al suo interno è riportata la dicitura "posta ordinaria" invece che "posta certificata" significa che quel messaggio è stato inviato ad un indirizzo ordinario di posta elettronica, quindi, nonostante sia stato accettato dal sistema, questo non ha nessun valore legale.
Anche in questo caso il messaggio di comunicazione tecnica  avrà come mittente l'indirizzo:
posta-certificata@sicurezzapostale.it
N.B. RICORDA SEMPRE CHE LA RICEZIONE DEL SOLO MESSAGGIO DI ACCETTAZIONE NON COSTITUISCE PROVA LEGALE DELL'AVVENUTA CONSEGNA.



RICEZIONE MESSAGGI:

- quando nella tua casella certificata ricevi un messaggio da un altro indirizzo certificato, questo avrà valore legale. Ricorda che il messaggio ha valore nel momento in cui è arrivato nella casella certificata e non quando lo andrai a leggere, quindi per informarti della presenza di un messaggio nella tua casella certificata ti sarà automaticamente inoltrato un avviso anche all’indirizzo ordinario che è stato comunicato al momento dell'ordine.

- quando ti verrà inviato un messaggio da un indirizzo non certificato verso il tuo indirizzo certificato questo non sarà assolutamente ricevuto nella casella di posta certificata.
Per evitare comunque la perdita di questi messaggi è stato impostato un servizio di redirect, pertanto tutti i messaggi inviati da un indirizzo non certificato verso il tuo indrizzo certificato saranno automaticamente inviati all’indirizzo ordinario che è stato dichiarato al momento dell'ordine.

Resta comunque inteso che in qualsiasi momento potrai richiederci la disattivazione di questo messaggio d’avviso o la sostituzione dell’indirizzo email attualmente presente con un altro, oppure è anche possibile, nel caso nell’ordine non sia stato inserito nessun indirizzo di posta per l’avviso o per il redirect, di poterci comunicare in qualsiasi momento l’attivazione di questi servizi, per farlo basta compilare il form online reperibile CLICCANDO QUI.


IMPORTANTE: è sottointeso che per nessuna ragione saremo ritenuti responsabili per la mancata ricezione del messaggio di avviso o di redirect nel vostro indirizzo ordinario che ci avete comunicato in quanto non possiamo sapere quale tipologia di gestione della posta è applicata da chi gestisce il vostro indirizzo E-mail ordinario il quale, anche a vostra insaputa, può utilizzare dei controlli antispam nei messaggi che transitano per i loro server che potrebbero cancellare tali messaggi se questi fossero ritenuti dei messaggi di spam oppure potrebbe, sempre a vostra insaputa, avere dei problemi con indirizzi di posta ordinari o con indirizzi IP da loro gestiti perchè inseriti in una o più BlackList le quali, per il lavoro da loro svolto, impediscono la corretta ricezione dei messaggi e, di conseguenza, il corretto inserimento nel vostro indirizzo ordinario della comunicazione di avviso o di redirect inoltrato dal sistema certificato.
Per questo motivo, specialmente per coloro che utilizzano la sola webmail per controllare la posta certificata, consigliamo di verificare periodicamente il contenuto della casella tramite webmail, proprio per evitare che qualche segnalazione di arrivo di un messaggio certificato, venga perduto per la causa sopra indicata.

VARIE:

Inoltre ricorda sempre queste importanti informazioni per il corretto funzionamento della casella di posta certificata:
- quando si inviano dei messaggi certificati non si possono utilizzare i campi CCN e/o BCC che nascondono l’indirizzo del destinatario di un invio multiplo, in quanto, se utilizzato, il sistema di posta certificata non invierà il messaggio a nessuno dei destinatari emettendo un avviso di non accettazione per errore nel messaggio.
- il numero massimo di destinatari contemporanei accettati per l’invio di un singolo messaggio è di 50 (solo campi A e/o CC).
- la dimensione massima di ogni messaggio (intesa come prodotto tra il numero dei destinatari e la dimensione del messaggio) è 30 Mb.

AVVISO DI ANOMALIA MESSAGGIO

Dopo aver inviato un messaggio certificato hai regolarmente ricevuto il messaggio di ACCETTAZIONE però invece del messaggio di CONSEGNA è arrivato un messaggio con la scritta ANOMALIA MESSAGGIO, in cui lo stesso riporta dei problemi con la firma, tipo: "la firma digitale del messaggio non risulta attendibile", capiamo cosa significa aver ricevuto questo tipo di messaggio.
Il messaggio "firma digitale non attendibile" o similare è il messaggio standard che inoltra la PEC quando l'invio del messaggio presenta dei problemi, due sono le probabili cause:
1) se l'ANOMALIA MESSAGGIO ha come oggetto: "undelivered mail returned to sender" vuol dire che il messaggio non è stato consegnato al destinatario ed è tornato indietro pertanto non ha valore legale.
Il motivo dell'errore della mancata consegna è contenuto all'interno dell'allegato presente nel messaggio di anomalia che avete ricevuto indietro, pertanto, dopo aver letto il motivo della mancata consegna e dopo aver provveduto a correggere il problema, procedete con un nuovo invio fino a quando riceverete il regolare messaggio di consegna.
2) se l'ANOMALIA MESSAGGIO ha come oggetto: "successful mail delivery report" vuol dire che il messaggio è stato consegnato al destinatario ed ha valore legale.
Il problema del messaggio di anomalia che avete ricevuto è stato causato perchè nel messaggio certificato inviato al destinatario è stata richiesta la conferma di lettura e/o di recapito e quindi è stata generata l'anomalia.
Rammentate sempre che nei messaggi certificati NON DOVETE UTILIZZATE MAI la richiesta di conferma della lettura del messaggio da parte del destinatario in quanto, a tale scopo, già provvede il sistema della PEC ad inviarvi le corrette informazioni.

Torna ai contenuti | Torna al menu