Vai ai contenuti

Menu principale:

Tutto sulla PEC
Casi particolari e dettagli

MESSAGGI INVIATI AD INDIRIZZI EMAIL NON CERTIFICATI
Il messaggio di Posta Elettronica Certificata inviato ad indirizzi E-mail non certificati arrivano a destinazione imbustati all'interno di un messaggio di trasporto.

MESSAGGI PROVENIENTI DA INDIRIZZI EMAIL NON CERTIFICATI
Ogni gestore di Posta Eelettronica Certificata ha la possibilità di scegliere come gestire i messaggi provenienti da indirizzi E-mail non certificati. Tali messaggi possono essere infatti scartati oppure possono essere consegnati a destinazione racchiusi all'interno di un messaggio di anomalia.
La normativa non consente l'ingresso verso indirizzi certificati di messaggi provenienti da indirizzi di posta convenzionale.
Il titolare della casella attraverso il servizio di "inoltro", attivabile nel modiulo di richiesta d'acquisto  con apposita richiesta da comunicare in seguito, ha però la possibilità di reindirizzare tali messaggi verso una casella di posta elettronica ordinaria di sua scelta. Cosi facendo, tutti i messaggi ordinari diretti alla casella certificata verranno indiriizzati in maniera automatica verso la casella ordinaria indicata.
IMPORTANTE: è sottointeso che per nessuna ragione saremo ritenuti responsabili per la mancata ricezione del messaggio di avviso o di redirect nel vostro indirizzo ordinario che ci avete comunicato in quanto non possiamo sapere quale tipologia di gestione della posta è applicata da chi gestisce il vostro indirizzo E-mail ordinario il quale, anche a vostra insaputa, può utilizzare dei controlli antispam nei messaggi che transitano per i loro server che potrebbero cancellare tali messaggi se questi fossero ritenuti dei messaggi di spam oppure potrebbe, sempre a vostra insaputa, avere dei problemi con indirizzi di posta ordinari o con indirizzi IP da loro gestiti perchè inseriti in una o più BlackList le quali, per il lavoro da loro svolto, impediscono la corretta ricezione dei messaggi e, di conseguenza, il corretto inserimento nel vostro indirizzo ordinario della comunicazione di avviso o di redirect inoltrato dal sistema certificato.
Per questo motivo, specialmente per coloro che utilizzano la sola webmail per controllare la posta certificata, consigliamo di verificare periodicamente il contenuto della casella tramite webmail, proprio per evitare che qualche segnalazione di arrivo di un messaggio certificato, venga perduto per la causa sopra indicata.


MESSAGGI INVIATI UTILIZZANDO IL CAMPO “CCN” e/o “BCC”

Non si possono inviare messaggi di posta certificata utilizzando i campi “Ccn” o “Bcc” in quanto non sono considerati validi dal sistema perchè nascondono l’indirizzo del destinatario. Per la Posta Elettronica Certificata si possono utilizzare solamente i campi “To” e “Cc”.

MESSAGGIO FORMALMENTE NON CORRETTO
Il gestore invia al proprio utente (mittente) un avviso di mancata accettazione per vincoli formali quando rileva delle malformazioni e non aderenze alla normativa all'interno del messaggio inviato dal proprio utente (mittente).

PRESENZE VIRUS
Un virus contenuto nel testo o negli allegati di una mail certificata può essere rilevato dal sistema certificato del mittente o da quello del destinatario.
Nel caso in cui sia il gestore del mittente a rilevare il virus, viene inviato al mittente un avviso di mancata consegna per virus.
Nel caso in cui sia il gestore del destinatario a rilevare il virus (al punto di ricezione), viene inviato un avviso di rilevazione virus. Quest'ultimo, da parte sua, quando riceve un avviso di rilevazione virus provvede a consegnare al proprio utente (mittente del messaggio originale) un avviso di mancata consegna per virus.
I messaggi contenenti i virus vengono conservati dal gestore per un periodo non inferiore a 30 mesi


RITARDI DI CONSEGNA
Un caso particolare si ha quando per motivi non meglio specificati il messaggio non viene consegnato a destinazione entro le 12 e 24 ore successive al suo invio. Per fornire agli utenti del servizio tutte le informazioni utili a conoscere l'esito delle proprie spedizioni i gestori di Posta Elettronica Certificata si comportano nel seguente modo:

  • trascorse 12 ore dalla spedizione durante le quali non si è avuto notizia del messaggio (cioè non è arrivata la ricevuta di presa in carico o di avvenuta consegna), il gestore del mittente consegna al proprio utente un primo avviso di mancata consegna per superamento limiti di tempo. Nell'avviso viene fatto presente che "il messaggio potrebbe non arrivare a destinazione".

  • trascorse altre 12 ore senza che vengano consegnate la ricevuta di presa in carico e di avvenuta consegna, il gestore del mittente consegna al proprio utente un secondo avviso di mancata consegna per superamento limiti di tempo. Nell'avviso viene avvertito che "la spedizione non è andata a buon fine".


AVVISO DI ANOMALIA MESSAGGIO
Dopo aver inviato un messaggio certificato hai regolarmente ricevuto il messaggio di ACCETTAZIONE però invece del messaggio di CONSEGNA è arrivato un messaggio con la scritta ANOMALIA MESSAGGIO, in cui lo stesso riporta dei problemi con la firma, tipo: "la firma digitale del messaggio non risulta attendibile", capiamo cosa significa aver ricevuto questo tipo di messaggio.
Il messaggio "firma digitale non attendibile" o similare è il messaggio standard che inoltra la PEC quando l'invio del messaggio presenta dei problemi, due sono le probabili cause:
1) se l'ANOMALIA MESSAGGIO ha come oggetto: "undelivered mail returned to sender" vuol dire che il messaggio non è stato consegnato al destinatario ed è tornato indietro pertanto non ha valore legale.
Il motivo dell'errore della mancata consegna è contenuto all'interno dell'allegato presente nel messaggio di anomalia che avete ricevuto indietro, pertanto, dopo aver letto il motivo della mancata consegna e dopo aver provveduto a correggere il problema, procedete con un nuovo invio fino a quando riceverete il regolare messaggio di consegna.
2) se l'ANOMALIA MESSAGGIO ha come oggetto: "successful mail delivery report" vuol dire che il messaggio è stato consegnato al destinatario ed ha valore legale.
Il problema del messaggio di anomalia che avete ricevuto è stato causato perchè nel messaggio certificato inviato al destinatario è stata richiesta la conferma di lettura e/o di recapito e quindi è stata generata l'anomalia.
Rammentate sempre che nei messaggi certificati NON DOVETE UTILIZZATE MAI la richiesta di conferma della lettura del messaggio da parte del destinatario in quanto, a tale scopo, già provvede il sistema della PEC ad inviarvi le corrette informazioni.

Torna ai contenuti | Torna al menu